• SS 194 km 72, 97010 Giarratana (RG)
  • +39 339 3120760
  • info@arucimeliresort.it

Benvenuto su Aruciméli Resort

Aruciméli sorge nella Tenuta “Margi”, a metà strada fra Ragusa Ibla e Giarratana, entrambi storici centri medievali e barocchi nel cuore del Parco degli Iblei. La struttura nasce da antichi fabbricati ristrutturati mantenendo i materiali originali ed è circoscritta da un alto muro di cinta in pietra bianca che racchiude e protegge la privacy degli ospiti. Soggiornare presso Aruciméli significa immergersi in una vacanza all’insegna di arte, cultura, gastronomia e relax. Il resort è adagiato nell’alta Valle del fiume Irminio tra i costoni carsici e la tipica campagna iblea, ambiente ideale per chi vuole trascorrere delle vacanze a contatto con la natura. Gli amanti di storia e arte potranno apprezzare i numerosi siti archeologici collocati nelle vicinanze della struttura. Infine, Aruciméli Resort saprà deliziarvi con menu a base di prodotti tipici locali per trasmettervi tutta la genuinità e bontà della cultura eno-gastronomica del territorio.

Scopri di più

I nostri appartamenti

I nostri appartamenti sono finemente arredati e dotati di ogni comfort, come: WIFI, aria condizionata, cucina, forno, frullatore, lavastoviglie, lavatrice, riscaldamento, TV LED. All'esterno potrete rilassarvi nella nostra piscina con idromassaggio e rinvigorirmi nelle docce esterne previste di acqua calda. Inoltre non dovete più preoccuparvi di valige e parcheggio, grazie al servizio bagagli e posto auto riservato.

IL TERRITORIO

Il territorio circostante alla Tenuta dei Margi è caratterizzato da numerosi siti archeologici sia della preistoria siciliana (Grotta Castellucciana di Calaforno), sia del periodo greco-romano con la Villa Romana di Giarratana, ma la cosa straordinaria è che proprio all’interno della tenuta insiste il sito di una fattoria romana di epoca imperiale l’ “Officina Mellis Hybleus”, dove si producevano delle eccellenze che confluivano direttamente a Roma, tra cui il famoso miele ibleo, già decantato da Cicerone durante il suo viaggio in Sicilia.

LEGGI TUTTO